La tua azienda in tv. Ecco come si fa

I nuovi mezzi di comunicazione incalzano ma la televisione continua ad essere il media più seguito, soprattutto dalla fascia d’età compresa tra i 32 e i 60 anni. Per questo motivo la pubblicità televisiva continua ad avere buona considerazione, soprattutto da quelle aziende che con i loro prodotti si rivolgono a questo target.
Le aziende locali che arrivano in televisione però, lo fanno quasi sempre con il classico e vecchio format della mini televendita. Piccole celebrità locali, quasi sempre comici, si limitano a leggere le offerte del momento o a reclamare il prodotto usando le stesse parole della comunicazione utilizzata per le affissioni. Il risultato è decisamente piatto e si confonde tra la massa di prodotti tutti uguali.

Uno spot televisivo ben confezionato rimane il modo migliore per “trasportare” la propria comunicazione in tv. Affidarsi ad un’agenzia pubblicitaria per una consulenza di marketing, per la definizione di uno storyboard, per la scelta di musiche e voci narranti in grado di dettare il giusto ritmo alla narrazione si rivela essere un investimento che ripaga. Uno spot televisivo, contrariamente alla televendita, consente di catalizzare l’attenzione dello spettatore nei pochi secondi a disposizione. Lo spot informa giocando l’arma della seduzione, la televendita rischia di diventare un elenco di informazioni dallo scarso appeal.

Con lo stesso budget di una televendita abbiamo realizzato uno spot per Ekos…

E voi? preferite lo spot o siete affezionati al formato televendita?

Articoli correlati

if(get_the_ID() == '913') { } else { ?>

Rispondi

* Campi obbligatori. Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Ho letto e accettato la Privacy Policy

} ?>