Emergenza: cambiano le ricerche online. I consigli per il tuo marketing.

L’emergenza COVID-19 sta decisamente cambiando aspetti della nostra vita, lavorativa e privata.

E così, mentre si lavora in smartworking o si ordina semplicemente la spesa a casa, cambiano anche le abitudini e il comportamento degli utenti che ricercano sul web.
L’associazione del resto è semplice: cambia la nostra vita, cambia il modo in cui ricerchiamo informazioni.

L’impatto sui motori di ricerca e il search behavior

Con la stessa forza di un aggiornamento dell’algoritmo, si sta generando una costante instabilità dei siti web. Stanno cambiando, insomma, i posizionamenti rispetto alle proprie keywords di riferimento perché, come detto sopra, a cambiare è il comportamento di ricerca degli utenti.

Un esempio su tutti, è l’aggiunta della coda “a casa”. L’utente ad esempio ricerca su Google “esercizi pilates a casa” oppure “come preparare un aperitivo a casa”.
Si cerca, insomma, come fare le azioni più disparate nella propria abitazione.

Il nuovo comportamento di ricerca è possibile riassumerlo in 3 macro-concetti:

  • Digitalizzazione della propria routine quotidiana
  • Necessità normalmente offline diventate online
  • Spostamento della domanda da acquisti basati sul desiderio ad acquisti essenziali per l’alimentazione e salute

Come agire?

Sicuramente, è bene non insistere nel tentare di ripristinare il traffico sulle stesse pagine attive prima dell’emergenza. Approfitta del tempo per migliorare il percorso utente all’interno del sito: Quali pagine generano maggior traffico? Perché il tempo medio di navigazione all’interno del sito è basso? Perché il carrello del mio e-commerce viene abbandonato? Etc.

Sfrutta semplici strumenti, come Google Trends, per monitorare costantemente i trend di ricerca e gli argomenti che generano interesse per il pubblico.
Infine, come molti grandi brand stanno facendo, crea pagine ad hoc sull’emergenza sanitaria per spiegare ai tuoi clienti, potenziali e attivi, come l’azienda sta gestendo la situazione.

 

Tuttavia, queste azioni non vanno realizzate di impulso. Vanno pianificate e inserite all’interno di un piano marketing strategico in cui ogni attività, prima di essere implementata, va analizzata e studiata, in ogni singolo aspetto.
Prenota ora la tua consulenza e parliamone insieme!

Articoli correlati

if(get_the_ID() == '913') { } else { ?>

Rispondi

* Campi obbligatori. Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Ho letto e accettato la Privacy Policy

} ?>